Möves: a Milano al lavoro in eBike

Anche a Milano finisce il lockdown e nasce Möves (dal gergo dialettale milanese: “muoviamoci“), un progetto dedicato alle aziende del capoluogo lombardo che vogliono agevolare la mobilità in sicurezza dei propri dipendenti.

In base ai dati emersi da un censimento, il numero di residenti milanesi che si sposta quotidianamente per recarsi al luogo di lavoro supera infatti quota 375.000. Molti lo hanno potuto fare, prima del lockdown, grazie al servizio di trasporto pubblico, che ora però deve forzatamente garantire accessi contingentati per evitare il contagio dei passeggeri.

Möves by Yess.energy si inserisce in questo contesto come proposta di mobilità alternativa su due ruote elettriche, dedicata ai dipendenti di tutte le aziende che operano a Milano e che decideranno di sottoscrivere il servizio, sottoforma di noleggio operativo, deducibile fiscalmente. Un’alternativa, oltre che ai mezzi pubblici, anche a quelle formule di sharing a cui eravamo abituati prima dell’inizio della pandemia e di cui, ad oggi, non è ancora nota l’accessibilità nel nuovo scenario di mobilità delle città.

Möves offre diversi vantaggi alle aziende che lo adottano: i canoni sono interamente deducibili e non hanno nessun impatto sul rating creditizio, mentre i costi sono certi e costanti, in modo da facilitare la pianificazione delle spese.

Il servizio prevede la fornitura di speciali eBike a pedalata assistita, dai nomi che rendono omaggio a tre vecchi quartieri milanesi: Brera, Bullona e Acquabella. Tre modelli a disposizione per venire incontro alle singole esigenze del lavoratore, oltre ad accessori come casco e giubbotto catarifrangente ad alta visibilità.

“Yess.energy ha riaperto insieme ad altre aziende il proprio negozio a Milano – spiega Gianluca Donato, AD Yess.energy e Direttore B.U. Mobility Friem - Come tanti altri, abbiamo dedicato le ultime settimane a preparare la ripartenza. Pensando alle difficoltà di questo momento, abbiamo messo in gioco le nostre competenze per lanciare un nuovo servizio che possa aiutare le imprese a ripartire con slancio ed in sicurezza”.

“Attraverso il lancio di questo progetto – aggiunge Mariateresa Mandotti, responsabile dell’iniziativa – vorremmo sensibilizzare le aziende milanesi ad adottare non una semplice bici, bensì una vera soluzione senza pensieri, omnicomprensiva, che possa garantire la sicurezza negli spostamenti e la puntualità dei collaboratori, una valida alternativa all’utilizzo dei mezzi pubblici o delle auto private”.

 

 

Precedente Struccante fatto in casa, la ricetta con i fiori di camomilla e l’olio d’oliva Successivo La pazienza, eroica virtù anti-spreco. Un antidoto contro l’inutile accelerazione